Non c’è atto di libertà individuale più splendido che sedermi a inventare il mondo davanti ad una macchina da scrivere. (G.G. Marquez)

Standard

“Creatore di un microcosmo familiare in cui confluiscono storia e leggenda, realtà e magia, passato e modernità, García Márquez (premio Nobel 1982) resta una delle voci più alte e popolari del romanzo contemporaneo. Narratore lucido e attento, ha saputo restituire al romanzo la sua autonomia e capacità d’invenzione, affascinando i lettori di tutto il mondo.” (G. Morelli da Il Giornale del 18/04/2014)Gabriel_Garcia_Marquez

Se ne è andato Gabriel Garcia Marquez. Gabo ci ha lasciati.

Mi piace ricordare una sua frase che ha in sé l’essenza e il sottile motivo di scrivere: “La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.”

Il fantastico mondo di Macondo. la sua realtà visionaria. la sua passione e la sua ironia in ogni manifestazione della vita ci mancheranno.

Dai cento anni della saga della famiglia Buendia attraverso un mondo fantastico e a tratti caricaturale di “Cent’anni di solitudine” alla ricerca delle emozioni e dei percorsi d’amore de “L’amore ai tempi del colera” ha regalato a tutti noi che amiamo scrivere i motivi e l’entusiasmo per farlo; a tutti noi che amiamo leggere la voglia e l’esigenza di non smettere; e a tutti noi umanità un frammento della sua magica visione della vita raccontata con il linguaggio di chi la vita la vive davvero.

Grazie Gabo per cò che hai dato a tutti noi. Grazie grande uomo.

 

 

Annunci