COME OMBRE AL VENTO

Standard

Domenico Rattenni è senza dubbio uno spirito libero, libero nel vero senso della parola, ossia senza àncora di sicurezza e senza  pregiudizi, anzi senza “giudizi”.

E da spirito libero quale è lo troviamo in queste poesie fortemente legato alle sue esperienze di vita, ai suoi ricordi, alle mille e più realtà con le quali è venuto in contatto.

Storie quotidiane che hanno in sé lo straordinario di una umanità profonda e senza retorica.

Uno sguardo semplice, che osserva, che partecipa, che è compagno e fratello.

Uno sguardo a volte stupito di se stesso, ma mai di ciò che ha intorno, perché ogni incontro per Domenico è un tesoro che lo arricchisce, che lo completa, in cui riconoscersi e a volte perdersi.

C’è malinconia nei suoi versi e c’è rabbia. C’è la scoperta della sua stessa anima nel confronto con le anime che incontra. E c’è emozione. La sua e quella di chi legge. La sua e quella di chi sta vivendo le sue storie.

Domenico è pittore e fotografo oltre che poeta. E ciò viene alla luce non soltanto dalla mancanza di titoli delle sue poesie, che vengono da lui identificate con una data e un orario, come fossero scatti della sua macchina fotografica, ma anche dall’uso dei chiaroscuri nel procedere delle parole. C’è luce intensa in ciò che scrive e ci sono ombre buie profondissime.

Le “ombre” che sono dentro di lui e il “vento” che scuote ciò  che è nella speranza che divenga altro.

Domenico ci accompagna lieve all’interno del suo mondo, come lieve entra nel mondo che ha intorno.

Ci accompagna e non giudica, non “moralizza”, non è l’altro…

E a noi che lo leggiamo regala la libertà di essere lui per una volta e per tutte le volte che riprenderemo in mano le sue poesie. Perché le rileggeremo più e più volte. Le rileggeremo ogni volta che avremo bisogno di ricordarci che la vita, oltre gli schermi di pc, smartphone e tablet, è un’avventura difficile e terribilmente affascinante se la si affronta con l’umiltà di essere uomo in mezzo agli uomini, senza ipocrisie e perbenismi.

Tutti noi siamo “ombre al vento” anche se pensiamo di essere fermi e stabili nella nostra realtà. Tutti noi, per una volta, dovremmo avere il coraggio di guardarci intorno con occhi puri, umani, senza sovrastrutture.

Domenico lo fa. E offre a noi la possibilità di farlo attraverso i suoi occhi.

Maria Elisa Muglia

Per acquistare il libro

 

Annunci